CHF0.00

Nessun prodotto nel carrello.

Spedizione in 24h gratuita in Svizzera e Italia per ordini da 80 Chf! Pagamento sicuro con carte di credito e tecnologia PayPal

CHF0.00

Nessun prodotto nel carrello.

HomeEsteroEMERGENZA SANITARI: vaccinati e contagiati, ospedali in emergenza.

EMERGENZA SANITARI: vaccinati e contagiati, ospedali in emergenza.

- Inserzione pubblicitaria -

Obbligo vaccinale

In Italia l’obbligo vaccinale per i sanitari è ancora in vigore e lo sarà almeno fino al 31 dicembre. Chi non si vaccina viene sospeso dal lavoro e deve rimanere a casa. Ma nelle corsie, nonostante l’elevato numero di vaccinati, ci si continua a contagiare e quindi gli ospedali devono fare i conti con una carenza nell’organico a causa di infermieri e medici costretti a rimanere isolati a casa.

Il direttore generale dell’Usl 3 Serenissima Edgard Contato, circa l’emergenza sanitari, ha dichiarato al Corriere della Sera: “Ormai siamo abituati a fare a meno, mediamente, di 130 dipendenti a settimana, infettati”. Nel solo Veneto infatti, al 31 marzo, mancavano all’appello ben 2’260 professionisti contagiati, un numero enorme che incide pesantemente sull’intera organizzazione, costantemente riorganizzata.

Un emergenza sanitari che obbliga a continui spostamenti di personale qualificato da un area all’altra degli ospedali con continui cambi di mansioni che, giocoforza, penalizzano pesantemente la qualità del servizio offerto, con carichi di lavoro anche doppi e a volte tripli rispetto alla consuetudine. Per non parlare, come segnalato da molte Asl, come si sia costretti in questa situazione a ricorrere a rianimatori e anestesisti spesso forniti da cooperative poco qualificate in sostituzione temporanea dei tanti colleghi assenti.

Stefano Introzzi – Redazione TIResidenti

Lugano
nubi sparse
20.9 ° C
23.6 °
19 °
83 %
1.5kmh
75 %
Gio
29 °
Ven
28 °
Sab
27 °
Dom
30 °
Lun
30 °

PRODOTTI SHOP